InVoga Magazine
Dior

DIOR sfilata collezione Cruise 2025

Dior

La presentazione della collezione Cruise è, per Maria Grazia Chiuri, l’occasione per seguire le tracce di Christian Dior nei tanti luoghi del mondo in cui ha presentato il suo lavoro. Tracce visive a suggerire ogni volta nuove esperienze di ricerca. Nel 1955 Monsieur Dior presenta il suo lavoro in Scozia nella sala da ballo del Gleneagles Hotel, nel Perthshire. La Scozia si trasforma per Chiuri nella cornice narrativa dalla collezione Cruise 2025 – svelata nel cuore dei giardini del Castello Drummond – in cui esperienze, memorie, suggestioni si connettono in un movimento generativo di forme, materiali, ricami. L’unicorno, il cardo, simboli della Scozia, abitano una nuova declinazione del motivo millefiori e diventano ricamo araldico a ricordare la maestria in quella tecnica, forma di resilienza di Maria Stuarda che emerge nel racconto di Clare Hunter: Embroidering Her Truth: Mary, Queen of Scots and the Language of Power. Il ricamo di una mappa della Scozia, sorta di dispositivo per muoversi in libertà nelle traiettorie mentali, produce su alcune creazioni della collezione una cartografia delle collaborazioni e degli incontri culturali organizzati appositamente per questa sfilata. Poi c’è il tartan: “It’s probably the only fancy fabric that resists fashions”, scrive Dior in The Little Dictionary of Fashion. Tessuto simbolo di questa terra che nei tanti abbinamenti di colori e nella forma del kilt ha attraversato e continua ad attraversare, dal romantico al punk, la storia e il presente della moda. Le immagini fotografiche della presentazione Primavera-Estate del 1955 diventano stampa oppure sono applicate, sorta di montaggio cinematografico, come ricordo, sul margine del kilt o dei caban, e sono all’interno dei capi amuleto/memoria di questa Dior cruise 2025. Gli outfit tengono insieme elementi in contrasto, materiali di consistenze diverse come il velluto e il pizzo, e vestono cavaliere contemporanee. Molte silhouette hanno maniche esageratamente ampie che nelle camicie bianche esplodono sotto piccoli abiti dalla gonna arricciata e dalla pettorina lucente dei ricami. Ricami che tornano su molti pezzi, oscuri, cangianti, lunari a volte tempestati di perle. Colletti di pizzo a illuminare il nero. Il tartan, anche in tessuto leggerissimo, è filo conduttore e omaggio, per i kilt, quelli fatti direttamente in Scozia e quelli con il fit reinterpretato. Poi abiti di diversa lunghezza e giacche, cappotti o mantelle dai grandi cappucci. Ricorrenti gli stivali da pioggia. Piccole giacche nel grigio dei tessuti maschili e la Bar jacket con gli alamari in velluto nero. Velluto che ritorna nell’abito da sera dalla gonna smisurata evidenziata dal busto minuto. Reti tessute di luce che diventano abiti, e abiti lunghi leggerissimi nel mauve della nostalgia. In questa coreografia immaginativa si snoda la sequenza della collezione che funziona come terminazione temporanea di una rete di elementi interconnessi, come narrativa che si estende fino a reinterpretare le storie che l’hanno preceduta. restituendoci un viaggio in cui le diverse tappe diventano soggetto della pratica creativa.


look 1 width 800look 2 width 800look 3 width 800look 4 width 800look 5 width 800look 6 width 800look 7 width 800look 8 width 800look 9 width 800look 10 width 800look 11 width 800look 12 width 800look 13 width 800look 14 width 800look 15 width 800look 16 width 800look 17 width 800look 18 width 800look 19 width 800look 20 width 800look 21 width 800look 22 width 800look 23 width 800look 24 width 800look 25 width 800look 26 width 800look 27 width 800look 28 width 800look 29 width 800look 30 width 800look 31 width 800look 32 width 800look 33 width 800look 34 width 800look 35 width 800look 36 width 800look 37 width 800look 38 width 800look 39 width 800look 40 width 800look 41 width 800look 42 width 800look 43 width 800look 44 width 800look 45 width 800look 46 width 800look 47 width 800look 48 width 800look 49 width 800look 50 width 800look 51 width 800look 52 width 800look 53 width 800look 54 width 800look 55 width 800look 56 width 800look 57 width 800look 58 width 800look 59 width 800look 60 width 800look 61 width 800look 62 width 800look 63 width 800look 64 width 800look 65 width 800look 66 width 800look 67 width 800look 68 width 800look 69 width 800look 70 width 800look 71 width 800look 72 width 800look 73 width 800look 74 width 800look 75 width 800look 76 width 800look 77 width 800look 78 width 800look 79 width 800look 80 width 800look 81 width 800look 82 width 800look 83 width 800look 84 width 800look 85 width 800look 86 width 800look 87 width 800look 88 width 800look 89 width 800


Se sei un buyer e vuoi acquistare la collezione Cruise 2025 attraverso la mediazione offerta da InVoga Magazine i rapporti con la Maison DIOR risultano essere diretti, facili e veloci, senza senza intermediari o lungaggini di nessun genere. Per saperne di più, compila il form contatti a destra di questo articolo e sarai ricontattato entro 24h.

Related Articles

Dior è lieta di svelarci ulteriori novità per la collezione Autunno 2023

Le Fashioniste di InVoga Magazine

L’arte della gioielleria secondo DIOR. Victoire de Castellane presenta DIORAMA

Le Fashioniste di InVoga Magazine

I regali DIOR per la festa della mamma!

Le Fashioniste di InVoga Magazine

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Don`t copy text!